[Articoli] Informazioni su LFoundry

Comunicato stampa CFE-CGC LFoundry Rousset

fonte
Martedì 11 settembre 2012

cleanroomFin dall’acquisizione, a giugno 2010, dello stabilimento di produzione di ATMEL Rousset, LFoundry non ha mai smesso di evidenziare difficoltà finanziarie. In meno di due anni, i dipendenti hanno assistito alla chiusura dello stabilimento di Landshut (Germania) con il licenziamento di oltre 300 persone, le vendite ricorrenti di apparecchiature strategiche per ripianare i debiti del sito di Rousset, le richieste di imolti aiuti da parte dello Stato per gli esuberi…

Oggi LFoundry Rousset è sull’orlo del baratro come mostrano numerosi subappaltatori e fornitori a cui non vengono pagate le fatture, ritardate al punto di non intervenire più, cosa che porta inevitabilmente a problemi di produzione sempre più importanti (arresto FAB, scarti, parziale disoccupazione tecnica …).

Le condizioni di lavoro dei dipendenti e le loro prospettive diventano per tutti inaccettabili.
In questo contesto cupo, CFE-CGC LFoundry ha scoperto prove che dimostrano che LFoundry Rousset farebbe falsa fatturazione di personale presso organismi che beneficiano di contributi pubblici. Conoscendo la cronistoria del trasferimento di denaro opaco in Germania, la CFE-CGC ha messo in allerta la direzione, ma nessuna spiegazione è stata data, al contrario la  CFE-CGC, in risposta ha ricevuto pressioni e minacce.
La CFE-CGC Metallurgia Provence Côte d’Azur intende pertanto mettere in allerta le autorità e i media, ed esamina le azioni giudiziarie da dare al dossier da perseguire non escludendo la possibilità di seguire le procedure in corso, tra cui la denuncia già depositata dal CFDT.

Così, la CFE-CGC è particolarmente preoccupata per le intenzioni dei dirigenti di LFoundry Rousset quando questi ultimi hanno risposto favorevolmente alla richiesta del CE di far entrare i dipendenti nel capitale. In effetti, questa mossa del CE sarebbe molto positiva e incoraggiante in un contesto economico sano, ma in realtà, oggi, solleva grandi interrogativi sul management  e sul futuro del denaro investito dal personale. Alla fine, non si tratterà di un “LF-thon”,  in cui le donazioni dei dipendenti saranno solo a beneficio dei dirigenti azionisti? mentre altre strade vengono esaminate…

 

La giustizia indaga sulla gestione della tedesca LFoundry in Francia

fonte

Pubblicato il 13/09/2012, 12:10

Un’indagine preliminare è stata aperta dalla procura di Parigi, dopo una denuncia per abuso di benessere sociale, relativa ad un impianto di semiconduttori in Bouches-du-Rhône, presa nel 2010 dal tedesco il LFoundry Atmel Stati Uniti hanno il Giovedi con i dipendenti consulenti.
La denuncia è stata presentata contro X nel mese di febbraio per conto dei lavori della società, la Metallurgia CFDT unione e tre dei suoi delegati alla Procura della Repubblica di Aix-en-Provence, che è stata ceduta nel mese di giugno a favore sede di Parigi pubblico ministero, in cui la sede della società in Francia.

I denuncianti ritengono che oltre 20 milioni sono stati trasferiti in modo non uniforme al gruppo tedesco, lasciando la società francese in gravi difficoltà finanziarie. Lo stabilimento è situato a Rousset, nei pressi di Aix.
Direzione LFoundry Francia non è stato possibile raggiungere da AFP.
Nel 2010, la fabbrica del Bouches-du-Rhône, che impiega 800 dipendenti e stimato a 106 milioni di euro, è stato venduto per un gruppo euro simbolico tedesco composto da tre entità – l’azienda LTC LFoudndry creato GMBH utilizzare il sito francese e produttrice di Landshut Silicon Foundry, LSF – da Atmel americano microelettronica gruppo, che aveva deciso di ritirarsi dalle sue attività produttive.
Nella denuncia, che AFP è stato copiato e si basa su un resoconto di Syndex, sembra che “contrariamente agli impegni assunti” il rimborso del sito “, l’analisi di queste operazioni rimesse “dimostra” un genuino desiderio di incoraggiare le imprese tedesche “in contrasto con” gli interessi della società francese. ”
La denuncia osserva inoltre che “tutte le informazioni non è stato dato ai lavori della società LFoundry Francia” su queste “transazioni”, tra cui trasferimenti da una società di produzione di componenti elettronici con sede a Landshut Baviera (Germania meridionale) e liquidato nel 2011.

 

LFoundry: la CFDT punta a non seguire l’esempio tedesco.

(Comunicato del sindacato francese CFDT sul comportamento di LFoundry nel sito di Rousset)

fonte

Diciotto mesi dopo il riscatto, per un euro simbolico, da parte di LFoundry dello stabilimento di Rousset in cui si producono
componenti elettronici del gruppo americano ATMEL, la tesoreria è esangue e la società sull’orlo del fallimento.
Contrariamente agli impegni assunti dagli acquirenti tedeschi, di non far uscire degli attivi della società francese durante i quattro anni di contratto di subappalto,
gli acquirenti tedeschi non hanno mai smesso di salvare la loro unità di produzione di Landshut alla deriva. Unità di produzione messa sotto amministrazione controllata, che ha definitivamente chiuso i battenti nel settembre 2011, lasciando 250 dipendenti in mezzo a una strada.
La quantità di questi trasferimenti è pari a 20,6 milioni di euro, di cui 7,5 milioni di attrezzature acquistate per aumentare la capacità produttiva dello stabilimento di Rousset mentre non avevamo né gli ordini, né la possibilità di installarle.
A seguito della revisione dei conti, realizzata dal dallo studio Syndex (http://www.syndex.fr/), il Comité d’Enterprise, il sindacato della metallurgia CFDT di Aix-Marseille e diversi dipendenti hanno depositato denuncia al Procuratore della Repubblica presso il Tribunal de Grande Instance di Aix en Provence per il reato di ostruzione al buon funzionamento del CE e abuso di bene sociale.
Oggi, nonostante il tradimento di cui sono vittime, i 750 i lavoratori del sito restano motivati e faranno tutto quanto è in loro potere per salvare i posti di lavoro.
Noi siamo competitivi, abbiamo un contratto di subappalto fino a luglio 2013, abbiamo potenziali clienti che non ci deluderanno, una governance che combatte per sostenere il sito e che ha il sostegno dei dipendenti.
Ora, è assolutamente necessario che le Autorità pubbliche facciano recuperare la ragione ai nostri padroni tedeschi al fine di arrivare ad ottenere una ristrutturazione del capitale che permetterebbe un’autonomia della nostra governance francese al fine di prendere le misure necessarie al consolidamento della nostra tesoreria.
Ci era stato vantato il rigore tedesco, ma è mal esportato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lfoundry srl ex Micron e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a [Articoli] Informazioni su LFoundry

  1. Toni ha detto:

    Allora, per poterci finanziare le 3 TESTINE hanno pensato di vendere ai francesi le nostre macchine di prod. migliori e non troppo vecchie. Ma in realtá ai francesi non servivano.
    Quindi solo il 10% sono state realmente trasferite, il resto é sempre rimasto da noi che ne avevamo bisogno per continuare lo sviluppo dell’unico prodotto creato dalla LSF ( LF 150 ).
    Prodotto che in futuro sarebbe poi stato prodotto nello stabilimento francese.
    Per il restante 90% la LSF pagava ai francese un affitto per l’uso.
    Il resto delle macchine in fine le acquistate una societa della Malaesia dove una delle 3 TESTINE era Azionista é membro del CDA.
    Per quanto ne sappia, il Commisariato ha riacquistato tutte le sudette vendite tramite un finanziamento della Unicredit, per poi rivenderle ai cinesi circa un’anno dopo.
    Al momento 2 delle TESTINE hanno solo un piccolissimo ufficio quí in centro a Landshut con un solo dipendente ( il mio ex vicino di casa ).
    P.S. Non penso di riuscire ad avere ció che mi spetta entro la fine di questo anno ( circa 38.000€ )
    Al prossima.
    Toni

  2. trasloco ha detto:

    Sono impressionato dalla qualit delle informazioni su questo sito. Ci sono un sacco di buone risorse qui. Sono sicuro che visiter di nuovo il vostro blog molto presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...