Verbale di Accordo sulla fruizione di ferie e P.A.R. tra RSU e azienda LFoundry Srl del 20.12.2016.

verbale-accordo-ferie-2017_pagina_1

verbale-accordo-ferie-2017_pagina_2

Pubblicato in Lfoundry srl ex Micron | Lascia un commento

Comunicato sindacale RSU Fiom-Cgil LFoundry del 18.11.2016

Nella tarda mattinata di oggi una delegazione della RSU ha partecipato ad un incontro con il consigliere regionale D’Alessandro e la dottoressa Picardi sulle problematiche dei pendolari LFoundry che si servono del vettore TUA per raggiungere lo stabilimento, cosi’ come da impegni presi nel corso del convegno organizzato da CGIL e FILT regionali, presenti anche stamani, lo scorso 7 ottobre a Vasto. Abbiamo chiaramente ribadito la richiesta di lavorare sulle tariffe e sulle corse cosi’ come la necessita’ di intervenire sul sistema di trasporto a piu’ ampio spettro, coinvolgendo anche le altre realta’ produttive. La riunione si e’ conclusa con la rinnovata disponibilita’ della Regione ad affrontare le questioni dei pendolari e l’impegno del sindacato a stilare un documento con proposte che tengano conto delle esigenze delle aziende nel territorio. A breve un nuovo incontro.

Pescara, 18 novembre 2016

Le RSU aderenti alla FIOM-CGIL

Pubblicato in Comunicati, Lfoundry srl ex Micron | Lascia un commento

COMUNICATO Fiom provincia di L’Aquila

Apprendiamo che, a nome delle Organizzazioni Sindacali FIM-FIOM-UILM e non della RSU, è stata convocata l’assemblea dei Lavoratori di Lfoundry. Si ricorda che, ad eccezione dell’assemblea di Organizzazione, la titolarità alla convocazione delle assemblee è in capo unicamente alla RSU, la quale, qualora lo ritenga opportuno, può richiedere la partecipazione delle Organizzazioni Sindacali. Per questo motivo la FIOM è a disposizione della RSU che deciderà in piena autonomia se confermare l’assemblea e se invitare le Organizzazioni Sindacali.

L’Aquila, 11 novembre 2016

Pubblicato in Comunicati, Lfoundry srl ex Micron | Lascia un commento

COMUNICATO SINDACALE – Comitato degli iscritti alla FIOM-CGIL, CGIL e FILT regionali

Informiamo i pendolari che usufruiscono dei servizi di trasporto della societa’ TUA da L’Aquila e Sulmona/Pratola Peligna verso Avezzano che per il giorno 18 novembre 2016 e’ stato convocato un incontro unitario presso l’assessorato ai trasporti della Regione Abruzzo, a cura del consigliere delegato Camillo D’Alessandro, allo scopo di discutere le problematiche dei pendolari LFoundry, ivi comprese politica tariffaria e gestione percorsi.

 

Pescara, 09-11-2016

 

Comitato degli iscritti alla FIOM-CGIL, CGIL e FILT regionali

Pubblicato in Comunicati, Lfoundry srl ex Micron | Lascia un commento

COMUNICATO STAMPA Fiom provincia di L’Aquila/RSU Fiom LFoundry-Smic

Questo pomeriggio, nell’incontro presso il MISE, la direzione aziendale Lfoundry-Smic, nella persona del suo vicepresidente, ha esposto un piano di lavoro e investimenti a 5 anni. In questo periodo dovrebbero essere impegnati 100 milioni di Euro il cui 50% nei primi 2 anni, soprattutto per macchinari. La rinuncia al rinnovo dei CDS è conferma di quanto esposto oggi: la situazione occupazionale è stabile pertanto non si parla più di esuberi anzi, nei prossimi 2 anni potrebbe essere necessario assumere almeno 100 nuove figure con qualifiche specifiche. Sempre in tema di occupazione è stata altresì sollecitata una discussione approfondita sulla questione del riconoscimento dei turni da 12 ore come lavoro usurante.

Come FIOM, pur giudicando positivamente le notizie ricevute, abbiamo chiesto di poter conoscere nel dettaglio il piano esposto e di poter sottoscrivere in sede ministeriale un “protocollo di indirizzo strategico” allo scopo di consentire al MISE di supervisionare l’andamento del piano nella sua esecuzione.

Avezzano, 7 novembre 2016

FIOM provincia di L’Aquila

RSU FIOM LFoundry-Smic

Pubblicato in Comunicati, Lfoundry srl ex Micron | Lascia un commento

COMUNICATO STAMPA Fiom Cgil nazionale: Lfoundry/Smic. Notizie positive, ora i dettagli del piano

lfoundry-comunicato-stampa-fiom-7-novembre-2016-1

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

FIOM-CGIL REGIONALE ABRUZZO – Comunicato Stampa del 20.10.2016

Il perdurare della crisi che sta sconvolgendo il settore industriale di gran parte della nostra Regione, con migliaia di Lavoratori e centinaia di aziende coinvolte nell’utilizzo di ammortizzatori sociali, ha visto la nostra organizzazione impegnata a verificare l’impatto delle nuove leggi introdotte dal Jobs Act rispetto alla situazione di crisi.

Nella giornata di ieri, 19 ottobre, la segreteria della FIOM-CGIL della Provincia di L’Aquila e il Segretario Regionale della FIOM Abruzzo hanno avuto un incontro presso il Ministero del Lavoro per approfondimenti in merito ai nuovi ammortizzatori sociali previsti dal Jobs Act.

Dall’incontro è emerso un quadro preoccupante che rischia di peggiorare la condizione materiale dei Lavoratori e delle aziende.

Va ricordato che la norma prevede la durata massima di 24 mesi della cassa integrazione e nel caso di utilizzo dei Contratti di Solidarietà il periodo può arrivare fino a 36 mesi, fermo restando che il loro valore economico è equivalente alla cassa integrazione. Questi strumenti non possono essere utilizzati nelle procedure concorsuali.

Sui licenziamenti collettivi siamo in presenza di un cambiamento radicale a partire dal 1 gennaio 2017.

La prima novità sembra essere quella che a partire dal 1 gennaio 2017 le aziende che intenderanno assumere i Lavoratori dalle liste di mobilità non potranno più beneficiare degli sgravi contributivi e delle agevolazioni. Rimane la possibilità per il Lavoratore di sospensione della mobilità in caso di assunzione a tempo determinato. Forti dubbi rimangono, a partire dal 1 gennaio 2017, sulla possibilità per il Lavoratore di riscatto della mobilità in caso di apertura della partita IVA.

Dal 1 gennaio 2017 l’unico strumento per i licenziamenti collettivi e individuali sarà la NASPI. Le aziende che assumeranno Lavoratori dalla NASPI potranno avere delle agevolazioni in percentuale al valore della NASPI ma non potranno beneficiare della decontribuzione. In caso di assunzione a tempo determinato il Lavoratore non potrà sospendere la NASPI per più di 6 mesi.

La contraddizione più evidente è che se un Lavoratore under 40 è collocato in mobilità entro il 30 dicembre 2016 avrà 12 mesi di sostegno, se lo stesso è licenziato il 1 gennaio 2017, con la NASPI avrà 24 mesi di sostegno.

Non essendo chiare le norme applicative dei nuovi strumenti previsti dal Jobs Act, la FIOM è impegnata a formulare dei quesiti al Ministero con la finalità di evidenziare alle istituzioni la gravità della situazione.

Le modifiche introdotte dal Jobs Act avranno un forte impatto verso tutte quelle aziende che con difficoltà stanno utilizzando gli ammortizzatori sociali per fronteggiare la crisi. Il rischio più serio è che le restrizioni imposte dai nuovi ammortizzatori sociali e le difficoltà economiche delle aziende potranno vedere l’avvio massiccio di procedure concorsuali.

Inoltre, i Lavoratori non avranno più la speranza che attraverso la mobilità potranno essere riassunti a fronte dei benefici contributivi per le aziende. Tale situazione rischia di mettere in difficoltà tutti quei nuovi progetti industriali che vedono il recupero dei Lavoratori dalle liste di mobilità.

È evidente che il Jobs Act, proposto in un contesto economico ancora debole, non solo prevede una modifica fortemente restrittiva degli ammortizzatori sociali ma soprattutto è carente e in ritardo rispetto alle politiche attive del lavoro. Prima di avviare una riforma degli ammortizzatori sociali, il Governo avrebbe dovuto creare gli strumenti idonei al recupero dei Lavoratori allontanati dal posto di lavoro. Questo ritardo rischia di costruire un bacino enorme di persone che potranno contare solo su brevi periodi di sostegno al reddito con la conseguenza di aumentare consistentemente il numero dei disoccupati e dei poveri.

 

Pescara, 20 ottobre 2016 Seg. Gen. FIOM-CGIL Regione Abruzzo

Alfredo Fegatelli

Pubblicato in Comunicati | Lascia un commento